Un Mare di Champagne 2019

MACRAMÈ

Parola d’ordine “condivisione”

Buongiorno Amici di penna, ho atteso qualche giorno per scrivere qualche riga sul terminato “Mare di Champagne”, ascoltare i rumors è sempre interessante #anchesenza riportarli tutti. 🤗 L’edizione che si è svolta quest’anno al Diana Grand Hotel di Alassio si è rivelata particolarmente effervescente, due giorni dedicati alle bollicine, tanta bella gente, un fare internazionale, una location degna di importanti manifestazioni. Il dress code glitter o shiny ha regalato subito una serata colma di un allure stile anni ‘2o, donne scintillanti, uomini galanti, in un glamour di altri tempi. Che meraviglia arrivare nel fastoso ingresso e guardare il bello. Colori pastello, ottoni, cucina a vista, terrazza panoramica, un momento di grande bellezza che ha accompagnato tutta la serata.

Quest’anno la formula dinamica è stata vincente, le bollicine sono state protagoniste della serata insieme agli ospiti, hanno saputo unire ancor più le cose alle persone. Le isole di degustazione allestite con cura nello spazio comune si sono fuse con le conversazioni dei commensali che sfilavano leggeri nei loro abiti lucenti. Il vino e il cibo non si sono mossi per venire da noi ma noi verso di loro. Calici tra le mani e via… abbiamo raggiun˝to i mescitori che con maestria ed eleganza hanno versato il nettare d’oro frizzante. Qualche ospite ha lamentato il mancato cambio del bicchiere ma invito a leggere qualche notizia sui siti professionali…non occorre. Bello muoversi qua e la alla ricerca di quello che desideri, dal buon cenare, agli amici che non hai potuto condividere allo stesso tavolo. Vale un plauso anche all’accompagnamento musicale, strepitosa la cantante!

Parliamo ora di buon bere, cibo, location, stile, donne, vip, URKA che mise!

Cosa abbiamo assaggiato? Intanto dobbiamo porre l’attenzione su due momenti diversi di questa manifestazione, la serata di Gala e la giornata della degustazione, la prima 6 maison quali Bollinger, Devaux, Drappier, Ellner, Mailly, Trousset-Guillemarte con 12 assaggi gourmet e la seconda 64 per un totale di 200 etichette. Che roba!

La serata si è svolta su una delle più belle terrazze del panorama turistico alassino, vista infinita sul mare, spazio per muoversi, palco per musica, coperture per la pioggia, tavoli grandi, tanta tanta bellezza. Appoggiarsi sulla ringhiera a sbalzo del lungo mare a chiacchierare con gli amici ci ha riportato ai tempi lontani ove il tempo poteva essere trascorso #anchesenza contare i minuti, così… in leggerezza, perché come dice la mia tshirt “leggerezza non è superficialità”. Difatti lo champagne ne è la prova, leggero ma importante! Ecco il fil rouge.

Qualunque prelibatezza degustata è stata light, ostriche, salmone, seppie, riso, caviale, spume, creme, sushi di terra, salsiccia di Bra, pasta, persino le chips calde (nana_lampada) condite con lime e pepe. Il clima era perfetto così come i padroni di casa, intendo tutto il MACRAMÈ. Vorrei fare un hola per questi professionisti che hanno saputo tenere le redini dell’evento restando aperti con le loro attività a pieno regime, perché… a parlare si fa presto. 💨

Queste due giornate sono state coinvolgenti e utili, ci hanno permesso di conoscerci e conoscere.

Ho trovato un prodotto a me nuovo…

Regina dei Sibillini – pasta di montagna.

Ed altri conosciuti…

Ho studiato meglio il salmone seguendo le indicazioni che mi ha fornito upstream tramite una mappa del gusto dettagliata nei minimi particolari. Durante la degustazione, un tecnico ha spiegato con amore questo fantastico pesce, Bafa, Filetto, Cuore, Ventresca, Millefoglie, Classico, Tartare. Non è stata tralasciata l’importanza delle differenze tra gli allevati, che non è poca cosa…

Vorrei spendere una parola per Calvisius Caviar che si è speso per la concessione di un segreto assaggio nonostante fosse invaso da moltissimi interessati.

˝Curiosità di quest’anno un’innovazione itech dal nome MEMORvINO una sorta di spione buono che raccoglie alcune informazioni tra l’assaggiatore e il produttore. Ad evento concluso, i dati raccolti tramite un chip sotto lo stelo del bicchiere, racconteranno non solo la nostra storia di degustatore, ma le preferenze. Riceveremo “gradite” e “utili” notizie sul nostro profilo, affinché la prossima volta si possa arrivare più preparati… noi o loro! ☺️

Voi mi direte, oggi non parliamo di ricette? Come no, ne esiste una molto complessa, fatta di mille ingredienti, tutta al femminile: la società. I fotografi e i giornalisti hanno fatto un lavoro magistrale per fermare il meglio della serata. Seguite i canali web dei protagonisti Macramè, ricordo a chi non lo sapesse che sono Gabbiano, Caffè Roma, Lamberti, La Prua, Viola, Scola, Viglietti.

Gli ospiti noti e famosi erano tantissimi ma come il savoir vivre insegna… occorre mantenere la curiosità alta! Partecipate alla prossima edizione, li rivedrete tutti.

Un caro saluto in primis alla città di Alassio e Marco Melgrati, agli amici “tecnici” Tenuta Margherita, Selecta, Miro, Balzola, ai protagonisti tutti dell’evento.

Agli amici di compagnia 🎈 presenti al tavolo e non.

immagini Ⓒ, per Calvisius origine dal sito.